AstiTeatro alla 40° edizione: la città diventa palcoscenico con 21 spettacoli dal 21 Giugno al 1 Luglio

AstiTeatro spegne 40 candeline ma la sua luce brilla più che mai, illuminando la scena del teatro italiano, essendo uno dei suoi protagonisti più longevi – spiegano Maurizio Rasero, Sindaco di Asti, e Gianfranco Imerito, Assessore alla Cultura – Continuiamo a puntare sulla bellezza del nostro centro storico, con location suggestive ricche di storia come il nostro Festival.​ Continuiamo a puntare sui giovani, con il concorso nazionale Scintille, giunto alla nona edizione, che ogni anno registra un alto numero di domande da parte di compagnie under 35 provenienti da tutta Italia, oltre che grande interesse da parte del pubblico e degli operatori teatrali. E continuiamo a dare spazio alle nuove drammaturgie, senza dimenticare gli spettacoli che hanno fatto la storia del teatro e di questa rassegna.”

Dal 21 Giugno al 1 Luglio Asti diventa palcoscenico, dividendosi in tre location che ospiteranno 21 spettacoli: lo Spazio Kor, il Diavolo Rosso e l’Ex Chiesa del Gesù al Michelerio.

Per Emiliano Bronzino questa 40° edizione che spazierà tra teatro contemporaneo e classico:

Si divide in tre: AstiTeatro40 continua il suo percorso di definizione e supporto alla nuova​drammaturgia italiana di cui sta diventando luogo ideale – racconta il direttore artistico – allo stesso tempo vuole tornare con forza nelle piazze e aprirsi al nuovo pubblico; inoltre vuole raccontare i suoi quaranta anni di storia con una serie di spettacoli che hanno debuttato nel corso delle edizioni del festival e che tornano ad Asti. “

L’inaugurazione con il concerto gratuito “L’isola di legno” dell’ Orchestra di Piazza Vittorio cadrà in occasione della giornata Europea della Musica, giovedì 21 giugno. Il celebre e apprezzato ensemble multietnico di Roma si esibirà alle 21 in Piazza San Secondo.

Il 22 e il 23 giugno, nei principali cortili del centro storico di Asti, andranno in scena gli 8 spettacoli selezionati nella IX edizione di “Scintille”, il concorso nazionale che mira ad individuare nuove proposte teatrali, promosso dal Teatro Alfieri di Asti, in collaborazione con Tieffe Teatro Milano e la Fondazione Piemonte dal Vivo. 

Lunedì 25 giugno alle 20 allo Spazio Kor Emma Dante porta “La Scortecata”, spettacolo liberamente tratto da “Lo Cunto de li Cunti” di Giambattista Basile.

Martedì 26 giugno alle 19 al Diavolo Rosso Oscar De Summa interpreta il suo pluripremiato “Stasera sono in vena” , un racconto in prima persona, ironico e amaro al tempo stesso, in cui l’adolescenza in Puglia negli anni ‘80 fa da sfondo al tema dell’abuso di droghe, sia come prodotto di un florido mercato, sia come mezzo dell’individuo per non sentire dolore.

Dalla prima nazionale ad AstiTeatro27 arrivano alle 21 allo Spazio Kor Umberto Orsini e Giovanna Marini con “La Ballata del carcere di Reading” di Oscar Wilde, con la regia di Elio De Capitani: la musica composta dalla Marini in un viaggio dalla ballata irlandese fino a Schubert, passando per i Beatles, accompagna Orsini che si fa Wilde stesso, teso a cogliere la bellezza dei versi.

Mercoledì 27 giugno alle 22 nel Cortile del Michelerio Paolo Rossi dedica ad AstiTeatro40 la nuova tappa del suo viaggio intorno a Molière, con “Questa sera si improvvisa con Molière – I fuorilegge di Versailles – Quarta stagione completa” : tra Pirandello e Lina Wertmüller, come si evince dal titolo, Paolo Rossi, affiancato da Lucia Vasini, dirige una compagnia di attori e musicisti, sempre in bilico tra il dentro e il fuori scena, racconta il conflitto tra il potere e i “fuorilegge”, tra il teatro e la vita.

Giovedì 28 giugno Roberto Latini, premio UBU 2017 come miglior attore, è in scena alle 22 alla Chiesa del Gesù con “Cantico dei Cantici”, uno dei testi più antichi di tutte le letterature, pervaso di dolcezza e accudimento, di profumi e immaginazioni; con le sue parole e il suo corpo, Latini traduce alla lettera la sensazione, l’atmosfera onirica che queste pagine gli hanno sempre procurato, assecondandone il tempo del respiro e della voce.

Venerdì 29 giugno alle 21 al Diavolo Rosso la Compagnia Berardi Casolari presenta “Amleto take away”, il nuovo spettacolo che arriva al festival dopo il successo dell’anteprima bolognese di questi giorni , dove Amleto, simbolo del dubbio, icona del disadattamento, è il personaggio più adeguato a cui affidare l’indagine esistenziale dell’uomo moderno: sono sulla mia strada o sto seguendo una moda, in questo tempo dominato da vista e udito?

Chiude il festival, Domenica 1 luglio alle 22 alla Cascina del Racconto “Il Mondo dei Vinti”, opera di Nuto Revelli interpretata dalla sapiente drammaturgia di Luciano Nattino, che debuttò ad AstiTeatro31. E’ un lavoro teatrale che vede in scena gli attori del Teatro degli Acerbi e del Faber Teater, affresco sul mondo contadino del secolo scorso che riannoda trame antiche e dimenticate nel nostro sottofondo, oltre che un omaggio al grande drammaturgo astigiano scomparso recentemente.

Per festeggiare i 40 anni del festival è prevista una mostra realizzata in collaborazione con gli allievi del corso di scenografia e allestimento teatrale promosso da Associazione CRAFT, che si snoderà in diverse location, raccogliendo materiale di archivio delle passate edizioni.

Novità del festival è il progetto AstiTeatro Nuovi Terroir, una rassegna di creatività enologica tra i palchi teatrali. Giocando sul parallelismo tra le nuove visioni creative e le eccellenze locali, verrà abbinato a ciascuno spettacolo teatrale un vino, condividendo la stessa volontà di creatività e approccio innovativo. In tal senso Associazione CRAFT, gestore di Spazio Kor, in collaborazione con Comune di Asti e Diavolo Rosso e grazie alla disponibilità del Rione San Paolo e della Fondazione Gabriele Accomazzo per il Teatro, coordinerà le degustazioni a teatro animando varie location del festival tra spazi teatrali e luoghi della città meno tradizionali.

AstiTeatro40 è organizzato dal Comune di Asti grazie al prezioso sostegno di: Regione Piemonte, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Fondazione CRT e MIBAC, e ha ricevuto il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Performing Arts 2017”.

Tutte le informazioni sugli spettacoli sono reperibili sul sito www.astiteatro.it.

Pubblicità
×
Pubblicità
  • Chieri, La Grande Pinacoteca