Chieri, “Dillo in piazza”: il Pd incontra i cittadini

Alessandro Sicchiero

«Dillo in piazza». Il PD incontra i cittadini con tre appuntamenti per parlare di Chieri con i chieresi. A partire dal 12 gennaio per tre sabati consecutivi i membri del Partito democratico chierese “scenderanno in piazza” per affrontare alcuni temi importanti a livello nazionale e  locale, quelli che toccano da vicino i cittadini.«Il primo appuntamento è dedicato alla manovra finanziaria e al lavoro – annuncia Alessandro Sicchiero, segretario del Partito Democratico di Chieri – Sulla scia dell’evento nazionale del partito dal titolo “Mille piazze” cercheremo di spiegare alle persone le criticità di questa finanziaria.  È una legge che premia condoni e illegalità, mentre penalizza i più deboli e quelli che rispettano la legge. Sabato 12 gennaio  dalle 9 sino alle 13 saremo in piazza Cavour con un gazebo per informare i cittadini, ma non solo. Sarà anche una giornata di mobilitazione a favore dell’alta velocità su rotaia e contro il decreto sicurezza. Tematiche molto importanti su cui confrontarsi».Il gazebo resterà anche il pomeriggio dalle 14,30 alle 18: «L’obiettivo è informare, ma soprattutto conoscere il punto di vista delle persone – precisa Sicchiero – Ascolteremo le idee e le proposte che ci arriveranno, dando e cercando le possibili soluzioni che i cittadini vorrebbero vedere realizzate. Ci  concentreremo sulle criticità, le prime ad aver bisogno di risposte».Negli  appuntamenti successivi, sabato 19 e 26 gennaio dalle 9 alle 13, sempre in piazza Cavour, si affronteranno altri temi: «Il 19 sarà dedicato al welfare e al sociale. Cosa serve ai chieresi? Siamo dell’idea che, sopratutto quando si parla di welfare, sia importante la vicinanza alla persona e al territorio dove abita, per la creazione e crescita del senso di comunità – spiega Sicchiero – E’ fondamentale anche comprendere come la realtà di un territorio sia percepita. Sopratutto quando si tratta di cura e attenzione alla persona».Verrano anche distribuiti dei “post-it”: «Chiederemo a tutti i cittadini di spendere un minuto per la propria città. Quindi per chi lo vorrà ci saranno dei foglietti sui quali scrivere le proprie idee in forma anonima, che saranno poi utilizzati  per innescare il dialogo e il confronto».In ultimo si parlerà di ambiente e mobilità: «Fondamentale per chi abita in Provincia, soprattutto visti i continui disservizi del trasporto ferroviario – rammenta Sicchiero – Per essere ecologisti bisogna anche essere concreti. Non possiamo pensare che basti chiudere al traffico e mettere Ztl, se non vengono date alternative. Chi va a lavorare o a scuola, ha bisogno di mezzi pubblici accessibili. Se non funzionano opterà sempre e comunque per l’auto. Ma con i blocchi di circolazione, si fermano intere famiglie creando danni economici importanti. I solleciti verso Gtt servono, ma sono necessarie delle alternative che vanno però cercate insieme».

Pubblicità
×
Pubblicità