AGLIANO – CONSEGNA DRAPO’ REGIONE PIEMONTE

Dopo la prima tappa alla Reggia di Venaria, è proseguito a Stresa, ad Alessandria e infine ad Asti il giro nelle province piemontesi voluto dal Consiglio regionale per consegnare ai 1.181 Comuni del Piemonte il Drapò, emblema del territorio ma anche un simbolo di appartenenza e riconoscimento di tradizione e valori.  Ritirato venerdì, in una cerimonia tenutasi al teatro Alfieri di Asti,  Il Consiglio regionale ricorda i cinquant’anni della Regione, che si sarebbero dovuti celebrare nel 2020, con la bandiera simbolo dell’identità culturale e istituzionale del territorio, ma l’arrivo di questa terribile pandemia ha purtroppo posticipato la cerimonia.  Il Drapò è il vessillo di tutti i piemontesi, sotto il quale il Consiglio regionale, insieme con ciascun Comune, intende affrontare le molteplici sfide del futuro. L’auspicio  è che, attorno allo  storico Drapò, ogni piemontese possa rafforzare il valore dell’identità e l’orgoglio di appartenere ad una regione con una storia plurisecolare e che ogni sindaco, nel proprio Comune, si faccia “custode” della  bandiera, e con essa, di quei sentimenti di amore e gratitudine per il nostro grande e bel Piemonte. Insieme agli altri 90 Sindaci della Provincia e sul palco a ricevere il Drapò era presente anche il sindaco di Agliano Marco Biglia.     A consegnare il Drapò erano presenti il presidente del Consiglio regionale, Stefano Allasia, il consigliere segretario Gianluca Gavazza e il vicepresidente della Giunta regionale Fabio Carosso che hanno dato il benvenuto agli amministratori locali. Presente anche il consigliere regionale Maurizio Marello. Nella rappresentazione grafica di questa cerimonia,  sono stati inseriti all’interno della bandiera i nomi di tutti i 1.181 Comuni del Piemonte, perché ciascuno di loro rappresenta una storia fatta di persone ed eventi che si sono succeduti nei secoli, di uomini e donne e delle loro vite ed esperienze, tante piccole grandi storie singole che, unite insieme, compongono la storia regionale.  E ogni Comune è un tassello indispensabile nella costruzione del Piemonte: tutti i nomi dei  Comuni riuniti diventano una sola entità, un solo patrimonio.  I nostri sindaci possono dirsi orgogliosi di vivere in un luogo eccezionale, pieno di bellezze come il Piemonte afferma Carosso “Mai come in questo periodo abbiamo avuto dimostrazione di come  i sindaci siano sempre in prima linea, compiendo sforzi enormi per salvaguardare i cittadini in questo anno di pandemia. I sindaci sono di fatto i primi a poter migliorare la qualità della vita dei cittadini. Consegnare loro la bandiera del Piemonte, è un gesto importante, perché ci accomuna e ci rende tutti fieri di appartenere a questa regione che ha fatto la storia. Questa bandiera non è solo un drapò che per dovere istituzionale si deve esporre, ma ci deve rendere orgogliosi”.

                                             Alessandra Gallo

 

 

Pubblicità
×