Carmagnola. Chiusura notturna per il Pronto soccorso dell’Ospedale San Lorenzo

Dalle 20 alla 8 a partire da giovedì 13 gennaio

L’ospedale San Lorenzo di Carmagnola

Visto l’incremento sempre più rapido dei casi è necessario procedere con urgenza ad un ulteriore passo dei piani di emergenza previsti per affrontare l’epidemia COVID-19. Come è già emerso nei giorni scorsi, fra questi vi è la chiusura temporanea nelle ore notturne del Pronto soccorso di Carmagnola. Da giovedì 13 gennaio quindi, dalle ore 20 della sera alle ore 8 del mattino successivo verrà sospesa l’attività del Pronto soccorso di Carmagnola fino a nuova comunicazione.  “La situazione negli ospedali è critica ed in rapido peggioramento – ha dichiarato il Direttore generale dell’Asl TO5, Angelo Pescarmona– . Stiamo aprendo nuovi reparti per pazienti Covid in tutti i presidi della Asl ed il numero di pazienti da ricoverare è in continuo incremento. Il picco di questa quarta fase della pandemia è previsto per il 20 di gennaio ma, a fronte dei numerosi casi, non possiamo abbassare la guardia. E’ una decisione molto dolorosa – prosegue Pescarmona -, spero si risolva al meglio ed il più presto possibile onde poter riattivare il PS h24 e continuare il lavoro dei passati 5 anni per il potenziamento dell’ospedale di Carmagnola. E’ una precisazione ovvia ma l’impegno, istituzionale oltre che personale – conclude il Direttore generale -, è a riaprire a pieno regime il PS non appena superata la fase più critica di questa quarta ondata”. “La città accompagna questa quarta crisi – ha detto Ivana Gaveglio sindaco di Carmagnola –  e ci mettiamo a disposizione con quello che possiamo fare e collaborando al massimo con le istituzioni. Continuiamo a raccomandare ai cittadini il rispetto delle regole che ormai conosciamo nella prospettiva di una rapida riapertura non appena le condizioni lo consentiranno”.

VIENE QUINDI RACCOMANDATO, A TUTTI I CITTADINI, DI NON RECARSI IN PRONTO SOCCORSO DI CARMAGNOLA DALLE ORE 20 ALLE 8

Per eventuali emergenze si può chiamare la Guardia medica, recarsi presso altri Pronto soccorso attivi, oppure chiedere l’intervento del 118 attraverso il numero unico 112.

Pubblicità