Colle Don Bosco: dopo il Bicentenario, inizia il terzo secolo dalla nascita del santo

 

tempio colle don boscoLa celebrazione in onore del compleanno di don Bosco, il numero 201, si è svolta nel Tempio Superiore del Colle omonimo, presso la frazione Becchi di Castelnuovo (At), oggi 16 agosto 2016. Proprio in corrispondenza dell’altare maggiore, sorgeva la casetta nella quale Margherita Occhiena dava alla luce il suo figlio terzogenito, Giovanni Melchiorre, colui che sarebbe diventato per tutti “don Bosco”. Ha presieduto la concelebrazione mons. Nicola Cotugno, già Arcivescovo di Montevideo e fondatore dell’ultimo gruppo inserito nella Famiglia Salesiana, la Fraternità contemplativa Maria di Nazaret. Insieme a lui il superiore dell’Ispettoria Lombardo-Emiliana, don Claudio Cacioli, il responsabile della pastorale giovanile nazionale, don Claudio Belfiore ed alcuni altri sacerdoti salesiani, fra i quali il Direttore della comunità locale, don Mario Pertile e il Rettore della Basilica, don Egidio Deiana. A dar lustro all’assemblea, il Sindaco di Castelnuovo don Bosco, Giorgio Musso. Hanno rallegrato la Messa i ragazzi dell’Oratorio di Valdocco che con la loro presenza hanno ricordato a tutti la missione salesiana: la crescita umana e spirituale dei giovani come buoni cristiani ed onesti cittadini. A loro si è rivolto il Vescovo, citando il sogno che don Bosco ebbe a 9 anni, indicando Gesù come guida ed esempio per essere fra i coetanei portatori di bene. Molto gradita é stata l’animazione musicale della Corale del Colle che ha guidato la liturgia con canti adatti all’occasione accompagnati all’organo dal maestro Sante Simeoni.

Una festa in famiglia che ha scandito l’inizio del terzo secolo dalla nascita del Santo dei giovani, festeggiato lo scorso anno, proprio in questo luogo, dalle 10.000 persone provenienti dal mondo intero. Oggi in tutti i continenti si spengono 201 candeline: buon compleanno, don Bosco!

 

Monica Roncari

Pubblicità
×
Pubblicità