“Dal Governo 195 mila euro a Chieri per la solidarietà alimentare. Il Comune li utilizzi bene e subito…”

“Il decreto Ristori-ter varato dal Governo prevede per la Città di Chieri un contributo di 195.935 euro destinato alla solidarietà alimentare ovvero ai buoni spesa per i cittadini e le famiglie bisognose, in questo particolare momento di crisi economica legata all’emergenza Covid. Ci aspettiamo ora dall’Amministrazione Comunale un rapido utilizzo delle suddette risorse perché, come abbiamo già avuto modo di sottolineare in passato, il momento è particolarmente drammatico sotto l’aspetto economico (oltre che sanitario). La gente si aspetta di ricevere velocemente e senza troppi disbrighi burocratici i buoni o le altre forme di sussistenza che il Comune deciderà di realizzare. Ci aspettiamo anche, oltre alla rapidità degli interventi, essenziale perché è ora che le persone hanno bisogno di supporto economico, l’erogazione dei contributi sia ponderata e mirata. Dovrà essere garantito che a beneficiarne sia la più amplia platea possibile oltre che chi ne ha davvero bisogno e diritto. Invitiamo il Comune, come già è stato fatto, a valutare la possibilità di rimpinguare il fondo con risorse delle casse comunali per aiutare più cittadini e in maniera più efficace. Vista e considerata l’importanza di questa iniziativa di solidarietà alimentare diamo la nostra disponibilità all’Amministrazione Comunale per scegliere criteri e modalità il più efficienti ed efficaci possibili.” Così scrive in una nota  Rachele Sacco – Consigliere comunale di Chieri (Progetto per Chieri – Salviamo l’Ospedale insieme)

Pubblicità
Pubblicità
×