CRONACA – Suicida in carcere a Ivrea il ‘mostro di Carmagnola’

Ha usato i pantaloni della tuta per impiccarsi nella cella del carcere di Ivrea dove era detenuto. Alexandro Riccio, l’uomo di Carmagnola  che lo scorso 29 gennaio aveva ucciso moglie e figlio di 5 anni a coltellate, aveva già tentato subito dopo il massacro di togliersi la vita gettandosi dal balcone di casa, ma se l’era cavata. Ci aveva riprovato altre volte all’ospedale e in carcere.

Pubblicità
×