Asl To 5, covid. Ecco i due nuovi hot spot per test rapidi a Carmagnola e Moncalieri: dove e quando

Massimo Uberti, direttore generale dell’Asl 5

Due nuovi punti a Carmagnola (piazza Manzoni) e a Moncalieri (zona ex Fonderie Limone)

 L’ASL TO5 ha attivato due nuovi hot spot dedicati all’effettuazione dei cd test rapidi per la ricerca delle persone positive al COVID 19. Lunedì 16 novembre è stato attivato il nuovo hot spot “Rapidi” a Carmagnola, piazza Manzoni (ex sede CRI). Tale hot spot, con accesso separato rispetto a quello destinato ai test molecolari è operativo dal lunedì al sabato, dalle ore 13,00 alle ore 16,00, e consente di processare più di 50 test rapidi al giorno. Martedì 17 novembre è stato attivato il nuovo hot spot “rapidi” a Moncalieri, via Eduardo de Filippo. I locali (messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale) sono situati all’ingresso delle ex Fonderie Limone.Inizialmente l’orario di effettuazione test (anch’essi su prenotazione) sarà 13.00 – 16.00, ma a breve l’apertura verrà ulteriormente ampliata.

“Con la messa a disposizione dei locali di via Eduardo de Filippo da parte dell’amministrazione comunale” afferma il Direttore Generale Massimo Uberti,  “che personalmente ringrazio, l’ASL TO5 sarà in grado entro la fine del mese di novembre di processare oltre 200 test rapidi al giorno, potenziando così l’offerta di test molecolari “tradizionali” dei vari pit stop dislocati sul territorio”.

Al servizio si accede solo ed esclusivamente su prenotazione, da effettuarsi a cura del proprio medico di famiglia che sulla base delle proprie valutazioni cliniche potrà indirizzare il paziente a questa nuova tipologia di test. L’esito del test viene comunicato subito all’utente, dopo circa 20 minuti dall’effettuazione del test stesso. Solo in caso di positività Al SARS COV2, il medico refertante valuterà se fare il test molecolare di conferma: in tal caso esso verrà effettuato immediatamente.

Gli esiti del test rapido (negativo o positivo) verranno caricati su piattaforma regionale e resi visibili al medico di famiglia.

 

Pubblicità
Pubblicità
×