Pino Torinese. Sabato 17 aprile “Astrotalk” al Planetario

Appuntamento sabato 17 aprile ore 18.00 sui canali social (Facebook e Youtube) di Infini.to – Planetario di Torino, Museo dell’Astronomia e dello Spazio – con il quarto appuntamento digitale degli Astrotalk, conferenze-spettacolo che uniscono le ultime ricerche in campo astronomico e scientifico alle spettacolari immagini del Planetario digitale. In questa quarta data dell’edizione 2021, insieme al nostro planetarista Emanuele, ospiteremo Elisabetta Bissaldi, ricercatrice del Dipartimento Interateneo di Fisica del Politecnico di Bari e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare della Sezione di Bari. C’è una magnetar – una stella di neutroni dal campo magnetico estremamente intenso e soggetto a improvvise eruzioni – all’origine di un breve ma brillantissimo lampo gamma osservato nell’aprile 2020 da diversi telescopi spaziali, tra cui la missione NASA Fermi. Si tratta del terzo lampo gamma nella storia associato al brillamento gigante di una magnetar, e di quello meglio localizzato: nel cuore della galassia dello Scultore, a 11,5 milioni di anni luce da noi. Nel corso dell’intervento esploreremo i misteri dell’Universo Gamma, ed in particolare ci soffermeremo sulle caratteristiche dei lampi gamma, potentissime esplosioni stellari che abbiamo imparato a conoscere in quasi 50 anni di ricerche. Questo ci permetterà infine di capire come mai la magnetar scoperta nella galassia dello Scultore rappresenti un caso di studio interessantissimo, e strettamente correlato con quello dei lampi gamma. 

Elisabetta Bissaldi è ricercatrice del Dipartimento Interateneo di Fisica del Politecnico di Bari e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare della Sezione di Bari. Da oltre 15 anni si occupa di astrofisica gamma delle alte energie, ed in particolare dello studio fenomenologico di sorgenti transienti, come i lampi di raggi gamma, attraverso dati raccolti su satellite o con telescopi a terra di tipo Cherenkov.Laureata triennale a Genova, specialistica a Trieste, dottorato alla Technische Universitat di Monaco di Baviera (Germania), ha lavorato al Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics presso Monaco di Baviera, all’Institute for Astro and Particle Physics di Innsbruck (Austria) e trascorso periodi di ricerca in vari istituti come lo Stanford Linear Accelerator Center in California, il Marshall Space Flight Center in Alabama e l’Università di Tokyo. Fa parte di varie collaborazioni scientifiche internazionali, tra cui quella del satellite NASA Fermi e quella dei telescopi alle alte energie Cherenkov Telescope Array. Da qualche anno è molto attiva anche come divulgatrice scientifica. È stata ospite in diverse occasioni del programma “Newton – Progetto Scienza” di Rai Cultura.

COME SEGUIRE L’EVENTO

L’appuntamento sarà gratuito e sarà in diretta sulle due pagine ufficiali del Museo:

FACEBOOK – https://www.facebook.com/planetarioditorino

YOUTUBE – https://www.youtube.com/user/PlanetarioDiTorino

Sarà possibile porre domande all’ospite dell’evento tramite la chat di uno dei due social.

 

Pubblicità
Pubblicità
×