Pralormo. Inaugurato il nuovo distaccamento della Croce Rossa Italiana

È stato inaugurato domenica 6 giugno  il nuovo Distaccamento di Pralormo della Croce Rossa Italiana. Sono intervenuti il consigliere regionale Davide Nicco, i sindaci di Pralormo Mario Moschietto e di Poirino Angelita Mollo, il presidente della delegazione Cri di Poirino Emilio Battistella e il consigliere del Comitato Regionale Cri per il Piemonte Giuseppe Giordana. A tagliare il nastro la contessa Consolata Beraudo di Pralormo. Il presidio di Pralormo è gestito dai volontari della Cri di Poirino. Ha sede nel palazzo comunale, in una sala del Museo dell’Acqua concessa dal Comune di Pralormo, e rappresenta un primo passo per arrivare a mettere a disposizione dei cittadini della zona un servizio permanente e di prossimità, presto dotato anche di mezzi per emergenze. Il distaccamento Cri di Pralormo è un progetto che il consigliere regionale Davide Nicco (Fratelli d’Italia) ha seguito e sostenuto fin dall’inizio. «Sono orgoglioso di essere a Pralormo per una giornata di festa come questa», ha dichiarato Nicco. «Non può che essere così, quando un Comune riesce a offrire un servizio importante, gestito da volontari e rivolto alla salute. Mi compiaccio con l’amministrazione comunale, con il Sindaco di Pralormo Mario Moschietto e quello di Poirino Angelita Mollo. E soprattutto con i volontari Cri di Poirino e il loro presidente Emilio Battistella, che dedica letteralmente la vita a questo servizio. La nostra Nazione ha molti problemi, ma nonostante questo riesce a superare anche crisi drammatiche come quella di quest’ultimo anno e mezzo. L’Italia va avanti grazie a eroi come voi, che avete affrontato un momento fra i più difficili del dopoguerra. A voi dobbiamo un enorme ringraziamento e rispetto, e soprattutto dovremo ricordarci di voi quando la pandemia sarà finita». L’esigenza di far nascere un presidio Cri a Pralormo è stata confermata con pressante necessità dal periodo pandemico, come racconta il presidente Cri di Poirino Emilio Battistella: «Nell’emergenza Covid ci siamo resi conto di quanto sia necessario garantire un presidio di prossimità al servizio dei cittadini. In questi mesi abbiamo effettuato tantissimi trasporti farmaci, servizi per anziani e persone in difficoltà quali consegna della spesa, dei buoni e di aiuti alimentari del Comitato regionale. Aprire uno “sportello” Cri sul territorio significa poter garantire un aiuto più capillare, tempestivo e attento alle esigenze». Il presidio Cri sarà gestito da una ventina di volontari di Poirino che si altereranno nei diversi turni. Per ora dispone di un mezzo per trasporto disabili, allestito con il contributo del Comune e della Pro Loco di Pralormo e della Coop: ma si pensa di poterlo dotare presto di una propria autoambulanza e – una volta compiute tutte le necessarie verifiche dei requisiti e ottenute le relative autorizzazioni – di trasformare il distaccamento in un vero e proprio Comitato Cri di Pralormo istituito con propria delegazione. Punto su cui Nicco conferma il proprio impegno: «Garantisco il mio sostegno affinché tutte le richieste e autorizzazioni necessarie possano venire ottenute nei tempi più rapidi e con la maggior rispondenza possibile alle esigenze dei cittadini».

Nella foto: in prima fila con i fiori: la contessa Consolata Beraudo di Pralormo; con la fascia tricolore i sindaci di Pralormo Mario Moschietto e di Poirino Angelita Mollo. In seconda fila: con la divisa rossa il presidente Cri di Poirino Emilio Battistella; con la cravatta rossa il consigliere regionale Davide Nicco.

Pubblicità
×